Indirizzi e riferimenti, assoluti e relativi

Indirizzo relativo

Con A1 ci si riferisce alla cella situata nella colonna A alla riga 1. Localizzate l'area adiacente alla cella indicando l'angolo sinistro superiore, impostando due punti e, al termine, la cella in basso a destra dell'area. Il quadrato formato dalle prime quattro celle nell'angolo in alto a sinistra si chiama di conseguenza A1:B2.

In questo tipo di localizzazione A1:B2 rappresenta un riferimento relativo, ossia che si adatta a questa area nel momento in cui copiate la formula.

Indirizzo assoluto

L'opposto del riferimento relativo è il riferimento assoluto, ossia quello dato, per esempio, da $A$1:$B$2. Davanti a ogni dato da usare in modo assoluto si trova il simbolo del dollaro.

Icona di suggerimento

In LibreOffice, premendo F4, è possibile convertire tutti i riferimenti indicati nella riga di digitazione attuale da relativi ad assoluti. Se cominciate con un riferimento relativo come A1, vale quanto segue: la prima volta che premete i tasti le righe e le colonne vengono impostate su assoluto ($A$1), la seconda volta soltanto la riga (A$1), la terza volta solo la colonna ($A1) e, premendo ancora una volta i tasti, sia le righe che le colonne saranno impostate su relativo (A1).


LibreOffice Calc visualizza i riferimenti a una formula. Se, ad esempio, in una cella fate clic sulla formula =SOMMA(A1:C5;D15:D24), entrambe le aree di riferimento nel foglio vengono evidenziate a colori. Ad esempio, la componente della formula "A1:C5" può essere visualizzata in blu e l'area di celle incerta bordata nello stesso colore blu. La successiva componente della formula "D15:D24" può essere evidenziata in rosso.

Quando utilizzare riferimenti assoluti e quando riferimenti relativi

Qual è la caratteristica di un riferimento relativo? Immaginate di voler calcolare nella cella E1 la somma delle celle nell'area A1:B2. La formula digitata in E è dunque =SOMMA(A1:B2). Successivamente decidete di aggiungere davanti alla colonna A un'altra colonna. Gli elementi che volete addizionare si trovano improvvisamente in B1:C2 e la formula non si trova più in E1 ma in F1. Praticamente, dopo aver inserito una nuova colonna dovreste controllare e correggere tutte le formule che si trovano nel foglio ed eventualmente anche in altri fogli.

LibreOffice provvede, opportunamente, ad eseguire questa operazione per l'utente. Dopo avere inserito una nuova colonna A, la formula =SOMMA(A1:B2) verrà automaticamente aggiornata in =SOMMA(B1:C2). Analogamente, quando si inserisce una nuova riga 1, anche i numeri delle righe verranno automaticamente corretti. Ogni volta che si sposta l'area di riferimento, LibreOffice Calc esegue l'aggiornamento dei riferimenti assoluti e relativi. Prestate attenzione, tuttavia, quando copiate una formula, poiché in questo caso vengono aggiornati soltanto i riferimenti relativi, ma non quelli assoluti.

I riferimenti assoluti si utilizzano quando un calcolo fa riferimento a una specifica cella nel foglio. Se copiate una formula che fa esattamente riferimento a questa cella relativamente a una cella sottostante la cella originaria, anche il riferimento verrĂ  spostato verso il basso se non avete impostato le coordinate della cella come assolute.

I riferimenti possono cambiare non solo quando si inseriscono nuove righe e colonne, ma anche quando si copia una formula esistente che fa riferimento a particolari celle in un'altra area del foglio. Supponete di avere inserito la formula =SOMMA(A1:A9) nella riga 10. Se volete calcolare la somma della colonna adiacente sulla destra, basterĂ  copiare la formula nella cella a destra. La copia della formula nella colonna B verrĂ  automaticamente modificata in =SOMMA(B1:B9).

Sosteneteci!