Categoria Statistica 4

From LibreOffice Help
Jump to: navigation, search

INC.QUARTILE

Restituisce il quartile di un campione.

Note.png La differenza tra INC.QUARTILE e ESC.QUARTILE sta nel fatto che la funzione INC.QUARTILE basa il suo calcolo su un intervallo percentile da 0 a 1 inclusivo, mentre ESC.QUARTILE basa il suo calcolo su un intervallo percentile da 0 a 1 esclusivo.

Sintassi

INC.QUARTILE(Dati; Tipo)

Dati è la matrice dei dati nel campione.

Tipo è il tipo del quartile (0 = MIN, 1 = 25%, 2 = 50% (MEDIANA) ,3 = 75% e 4 = MAX).

Esempio

=INC.QUARTILE(A1:A50; 2) restituisce il valore che corrisponde al 50% della scala di valori, dal più piccolo al più grande nell'area A1:A50.

ESC.QUARTILE

Restituisce il quartile richiesto di un intervallo di valori fornito, basandosi su un intervallo percentile da 0 a 1 esclusivo.

Note.png La differenza tra INC.QUARTILE e ESC.QUARTILE sta nel fatto che la funzione INC.QUARTILE basa il suo calcolo su un intervallo percentile da 0 a 1 inclusivo, mentre ESC.QUARTILE basa il suo calcolo su un intervallo percentile da 0 a 1 esclusivo.

Sintassi

ESC.QUARTILE(Dati; Tipo)

Dati è l'intervallo di dati per il quale calcolare il quartile specificato.

Tipo è un intero tra 1 e 3, che rappresenta il quartile richiesto (se tipo = 1 o 3, la matrice fornita deve contenere più di due valori).

Esempio

=ESC.QUARTILE(A1:A50; 2) restituisce il valore che corrisponde al 50% della scala di valori, dal più piccolo al più grande nell'area A1:A50.

QUARTILE

Restituisce il quartile di un insieme di dati.

Sintassi

QUARTILE(Dati; Tipo)

Dati è la matrice dei dati nel campione.

Tipo è il tipo del quartile (0 = MIN, 1 = 25%, 2 = 50% (MEDIANA) ,3 = 75% e 4 = MAX).

Esempio

=QUARTILE(A1:A50; 2) restituisce il valore che corrisponde al 50% della scala di valori, dal più piccolo al più grande nell'area A1:A50.

DISTRIB.POISSON

Restituisce la distribuzione di Poisson.

Sintassi

DISTRIB.POISSON(Numero; Valore medio; Cumulativo)

Numero è il valore su cui calcolare la distribuzione di Poisson.

Valore medio è la media della distribuzione di Poisson.

C (facoltativo) = 0 o Falso calcola la densità di probabilità; C = 1 o Vero calcola la distribuzione. Se omesso, il valore predefinito Vero viene inserito quando salvate il documento, per una maggiore compatibilità con altri programmi e versioni meno recenti di LibreOffice.

Esempio

=DISTRIB.POISSON(60;50;1) restituisce 0,9278398202.

POISSON

Restituisce la distribuzione di Poisson.

Sintassi

POISSON(Numero; Valore medio; Cumulativo)

Numero è il valore su cui calcolare la distribuzione di Poisson.

Valore medio è la media della distribuzione di Poisson.

C (facoltativo) = 0 o Falso calcola la densità di probabilità; C = 1 o Vero calcola la distribuzione. Se omesso, il valore predefinito Vero viene inserito quando salvate il documento, per una maggiore compatibilità con altri programmi e versioni meno recenti di LibreOffice.

Esempio

=POISSON(60;50;1) restituisce 0,93.

FI

Restituisce i valori della funzione di distribuzione per una distribuzione normale standard.

Sintassi

FI(Numero)

Numero è il valore su cui calcolare la distribuzione normale standard.

Esempio

=FI(2,25) = 0,03

=FI(-2,25) = 0,03

=FI(0) = 0,4

INC.PERCENT.RANGO

Restituisce la posizione relativa tra 0 e 1 (inclusivo) di un valore specificato all'interno della matrice fornita.

Note.png La differenza tra INC.PERCENT.RANGO e ESC.PERCENT.RANGO sta nel fatto che la funzione INC.PERCENT.RANGO calcola un valore nell'intervallo da 0 a 1 inclusivo, mentre ESC.PERCENT.RANGO calcola un valore nell'intervallo da 0 a 1 esclusivo.

Sintassi

INC.PERCENT.RANGO(Matrice; Valore; Peso)

Dati è la matrice dei dati nel campione.

Valore è il valore del quale si desidera conoscere il rango percentuale.

Peso è un argomento opzionale che specifica il numero di cifre significative in cui è arrotondato il valore percentuale restituito.

Esempio

=INC.PERCENT.RANGO(A1:A50; 50) restituisce il rango percentuale del valore 50 nell'area totale di tutti i valori in A1:A50. Se 50 si trova oltre l'area totale viene emesso un messaggio di errore.

ESC.PERCENT.RANGO

Restituisce la posizione relativa tra 0 e 1 (esclusivo) di un valore specificato all'interno della matrice fornita.

Note.png La differenza tra INC.PERCENT.RANGO e ESC.PERCENT.RANGO sta nel fatto che la funzione INC.PERCENT.RANGO calcola un valore nell'intervallo da 0 a 1 inclusivo, mentre ESC.PERCENT.RANGO calcola un valore nell'intervallo da 0 a 1 esclusivo.

Sintassi

ESC.PERCENT.RANGO(Matrice; Valore; Peso)

Dati è la matrice dei dati nel campione.

Valore è il valore del quale si desidera conoscere il rango percentuale.

Peso è un argomento opzionale che specifica il numero di cifre significative in cui è arrotondato il valore percentuale restituito.

Esempio

=ECS.PERCENT.RANGO(A1:A50; 50) restituisce il rango percentuale del valore 50 nell'area totale di tutti i valori in A1:A50. Se 50 si trova oltre l'area totale viene emesso un messaggio di errore.

PERCENT.RANGO

Restituisce il rango percentuale di un valore in un campione.

Sintassi

PERCENT.RANGO(Dati; Valore)

Dati è la matrice dei dati nel campione.

Valore è il valore del quale si desidera conoscere il rango percentuale.

Esempio

=PERCENT.RANGO(A1:A50; 50) restituisce il rango percentuale del valore 50 nell'area totale di tutti i valori in A1:A50. Se 50 si trova oltre l'area totale viene emesso un messaggio di errore.

INC.PERCENTILE

Restituisce il percentile alfa dei valori di una matrice. Il percentile restituisce il valore di scala di una serie di dati, dal più piccolo (Alfa=0) al più grande (Alfa=1). Per Alfa = 25%, il percentile rappresenta il primo quartile; Alfa = 50% rappresenta la MEDIANA.

Note.png La differenza tra INC.PERCENTILE e ESC.PERCENTILE sta nel fatto che nella funzione INC.PERCENTILE il valore di alfa si trova all'interno dell'intervallo da 0 a 1 inclusivo, mentre nella funzione ESC.PERCENTILE il valore di alfa si trova all'interno dell'intervallo da 0 a 1 esclusivo.

Sintassi

INC.PERCENTILE(Dati; Alfa)

Dati è la matrice dei dati.

Alfa è il valore percentile nell'intervallo tra 0 e 1.

Esempio

=INC.PERCENTILE(A1:A50; 0,1) rappresenta il valore dell'insieme di dati che equivale al 10% della scala totale in A1:A50.

ESC.PERCENTILE

Restituisce il percentile alfa di un intervallo di valori fornito relativo a valore indicato di Alpha, all'interno di un intervallo da 0 a 1 (esclusivo) Il percentile restituisce il valore di scala di una serie di dati, dal più piccolo (Alfa=0) al più grande (Alfa=1). Per Alfa = 25%, il percentile rappresenta il primo quartile; Alfa = 50% rappresenta la MEDIANA.

Warning.png Se Alfa non è un multiplo di 1/(n+1), (dove n è il numero di valori nella matrice fornita), la funzione calcola l'interpolazione tra i valori nella matrice fornita, al fine di calcolare il percentile. Se, tuttavia, Alfa è minore di 1/(n+1) o maggiore di n/(n+1), la funzione non è in grado di interpolare e restituisce un errore.
Note.png La differenza tra INC.PERCENTILE e ESC.PERCENTILE sta nel fatto che nella funzione INC.PERCENTILE il valore di alfa si trova all'interno dell'intervallo da 0 a 1 inclusivo, mentre nella funzione ESC.PERCENTILE il valore di alfa si trova all'interno dell'intervallo da 0 a 1 esclusivo.

Sintassi

ESC.PERCENTILE(Dati; Alfa)

Dati è la matrice dei dati.

Alfa è il valore percentile nell'intervallo tra 0 e 1.

Esempio

=ESC.PERCENTILE(A1:A50;10%) rappresenta il valore dell'insieme di dati che equivale al 10% della scala totale in A1:A50.

PERCENTILE

Restituisce il percentile alfa dei valori di una matrice. Il percentile restituisce il valore di scala di una serie di dati, dal più piccolo (Alfa=0) al più grande (Alfa=1). Per Alfa = 25%, il percentile rappresenta il primo quartile; Alfa = 50% rappresenta la MEDIANA.

Sintassi

PERCENTILE(Dati; Alfa)

Dati è la matrice dei dati.

Alfa è il valore percentile nell'intervallo tra 0 e 1.

Esempio

=PERCENTILE(A1:A50; 0,1) rappresenta il valore dell'insieme di dati che equivale al 10% della scala totale in A1:A50.

PEARSON

Restituisce il coefficiente di correlazione prodotto-momento di Pearson (r).

Sintassi

PEARSON(Dati 1; Dati 2)

Dati 1 è la matrice del primo record di dati.

Dati 2 è la matrice del secondo record di dati.

Esempio

=PEARSON(A1:A30; B1:B30) restituisce il coefficiente di correlazione di Pearson di entrambi i record di dati.

INV.NORM

Restituisce l'inversa della distribuzione cumulativa normale.

Sintassi

INV.NORM(Numero; Valore medio; DEV.ST)

Numero è la probabilità corrispondente alla distribuzione normale.

Valore medio è la media aritmetica della distribuzione normale.

DEV.ST rappresenta la deviazione standard della distribuzione normale.

Esempio

=INV.NORM(0,9; 63; 5) restituisce 69,41. Se l'uovo medio pesa 63 grammi con una deviazione standard di 5, vi sarà il 90% di probabilità che l'uovo non pesi più di 69,41 grammi.

INV.NORM

Restituisce un valore su una retta di regressione.

Sintassi

INV.NORM(Numero; Valore medio; DEV.ST)

Numero è la probabilità corrispondente alla distribuzione normale.

Valore medio è la media aritmetica della distribuzione normale.

DEV.ST rappresenta la deviazione standard della distribuzione normale.

Esempio

=INV.NORM(0.9;63;5) restituisce 69.4077578277. Se l'uovo medio pesa 63 grammi con una deviazione standard di 5, vi sarà il 90% di probabilità che l'uovo non pesi più di 69,41 grammi.

DISTRIB.NORM

Restituisce la densità di probabilità o la distribuzione normale standard.

Sintassi

DISTRIB.NORM(Numero; Valore medio; DEV.ST; Cumulativo)

Numero è il valore della distribuzione per il quale si desidera la distribuzione normale.

Media è la media aritmetica della distribuzione.

DEV.ST è la deviazione standard della distribuzione.

C = 0 calcola la densità di probabilità, C = 1 la funzione distribuzione di probabilità.

Esempio

=DISTRIB.NORM(70;63;5;0) restituisce 0,029945493.

=DISTRIB.NORM(70;63;5;1) restituisce 0,9192433408.

DISTRIB.NORM

Restituisce la densità di probabilità o la distribuzione normale standard.

Sintassi

DISTRIB.NORM(Numero; Media; DEV.ST; C)

Numero è il valore della distribuzione per il quale si desidera la distribuzione normale.

Media è la media aritmetica della distribuzione.

DEV.ST è la deviazione standard della distribuzione.

C è facoltativo. C = 0 calcola la densità di probabilità, C = 1, la funzione distribuzione di probabilità.

Esempio

=DISTRIB.NORM(70;63;5;0) restituisce 0,03.

=DISTRIB.NORM(70;63;5;1) restituisce 0,92.

DISTRIB.BINOM.NEG

Restituisce i valori della funzione di densità o distribuzione binomiale negativa.

Sintassi

DISTRIB.BINOM.NEG(X; R; Probabilità; Cumulativo)

X è il numero degli insuccessi nella sequenza di prova.

R è il numero dei successi nella sequenza di prova.

Probabilità è la probabilità di successo per ogni singola prova.

Cumulativo = 0 calcola la densità di probabilità, Cumulativo = 1 calcola la distribuzione.

Esempio

=DISTRIB.BINOM.NEG(1;1;0,5) restituisce 0,25.

=DISTRIB.BINOM.NEG(1;1;0,5;1) restituisce 0,75.

DISTRIB.BINOM.NEG

Restituisce i valori della distribuzione binomiale negativa.

Sintassi

DISTRIB.BINOM.NEG(X; R; Probabilità)

X è il numero degli insuccessi nella sequenza di prova.

R è il numero dei successi nella sequenza di prova.

Probabilità è la probabilità di successo per ogni singola prova.

Esempio

=DISTRIB.BINOM.NEG(1; 1; 0,5) restituisce 0,25.

MODA.SNGL

Restituisce il valore più frequente, o ripetitivo, in una matrice o un intervallo di dati Se sono presenti più valori con la stessa frequenza, restituisce quello più piccolo. Se un valore non compare due volte, si genera un errore.

Sintassi

MODA.SNGL(Numero 1; Numero 2; ...Numero 30)

Numero 1; Numero 2;... Numero 30 sono valori o intervalli numerici.

Warning.png Se il gruppo di dati non contiene punti dati duplicati, MODA.SNGL restituisce l'errore #VALORE!.

Esempio

=MODA.SNGL(A1:A50)

MODA.MULT

Restituisce una matrice verticale delle modalità statistiche (i valori ricorrenti più frequenti) all'interno di un elenco di valori forniti.

Sintassi

MODA.MULT(Numero1; Numero2; ...Numero30)

Numero 1; Numero 2;... Numero 30 sono valori o intervalli numerici.

Warning.png Dato che la funzione MODA.MULT restituisce una matrice di valori, essa deve essere inserita come formula matrice. Se la funzione non viene inserita come formula matrice, viene restituita solo la prima modalità, ossia la stessa ottenuta dall'uso della funzione MODA.SNGL.

Esempio

=MODA.MULT(A1:A50)

MODA

Restituisce il valore più comune di un campione. Se sono presenti più valori con la stessa frequenza, restituisce quello più piccolo. Se un valore non compare due volte, si genera un errore.

Sintassi

MODA(Numero 1; Numero 2; ...Numero 30)

Numero 1; Numero 2;... Numero 30 sono valori o intervalli numerici.

Esempio

=MODA(A1:A50)

MIN.VALORI

Restituisce il valore minimo di un elenco di argomenti. In questo campo potete anche digitare un testo. Il testo viene considerato come avente valore 0.

Le funzioni MIN.VALORI() e MAX.VALORI() restituiscono 0 se non vengono riscontrati valori (numerici o testuali) n° errori.

Sintassi

MIN.VALORI(Valore 1; Valore 2; ... Valore 30)

Valore 1; Valore 2;... Valore 30 sono valori o intervalli. Il testo ha il valore 0.

Esempio

=MIN.VALORI(1; "Testo"; 20) restituisce 0.

=MIN.VALORI(A1:B100) restituisce il valore minimo di quest'elenco.

MIN

Restituisce il valore minimo di un elenco di argomenti.

Restituisce 0 se nessun valore numerico e nessun errore è avvenuto nell'intervallo/i passato/i come riferimento/i di cella. Le celle di testo sono ignorate da MIN() e MAX(). Le funzioni MIN.VALORI() e MAX.VALORI() restituiscono 0 se non vengono riscontrati valori (numerici o testuali) n° errori. Passare una stringa testuale come argomento a MIN() o MAX(), ad esempio MIN("stringa"), restituisce un errore.

Sintassi

MIN(Numero 1; Numero 2; ...Numero 30)

Numero 1; Numero 2;... Numero 30 sono valori o intervalli numerici.

Esempio

=MIN(A1:B100) restituisce il valore minimo di quest'elenco.

MEDIANA

Restituisce la mediana di un insieme di numeri. Se il numero dei valori è dispari, la mediana sarà il numero centrale dell'insieme, mentre se è pari sarà la media tra i due valori centrali.

Sintassi

MEDIANA(Numero 1; Numero 2; ...Numero 30)

Numero 1; Numero 2;... Numero 30 sono valori o intervalli che rappresentano un campione. Al posto dei numeri si possono utilizzare riferimenti.

Esempio

Per i numeri dispari: =MEDIANA(1; 5; 9; 20; 21) restituisce il valore mediano 9.

Per i numeri pari:=MEDIANA(1; 5; 9; 20) restituisce la media dei due valori mediani 5 e 9, vale a dire 7.

MAX.VALORI

Restituisce il valore massimo di un elenco di argomenti. A differenza di MAX, qui è possibile immettere un testo. Il testo viene considerato come avente valore 0.

Le funzioni MIN.VALORI() e MAX.VALORI() restituiscono 0 se non vengono riscontrati valori (numerici o testuali) n° errori.

Sintassi

MAX.VALORI(Valore 1; Valore 2; ... Valore 30)

Valore 1; Valore 2;... Valore 30 sono valori o intervalli. Il testo ha il valore 0.

Esempio

=MAX.VALORI(A1;A2;A3;50;100;200;"Testo") restituisce il valore più grande tra quelli elencati.

=MAX.VALORI(A1:B100) restituisce il valore più grande di questo elenco.

MAX

Restituisce il valore massimo di un elenco di argomenti.

Restituisce 0 se nessun valore numerico e nessun errore è avvenuto nell'intervallo/i passato/i come riferimento/i di cella. Le celle di testo sono ignorate da MIN() e MAX(). Le funzioni MIN.VALORI() e MAX.VALORI() restituiscono 0 se non vengono riscontrati valori (numerici o testuali) n° errori. Passare una stringa testuale come argomento a MIN() o MAX(), ad esempio MIN("stringa"), restituisce un errore.

Sintassi

MAX(Numero 1; Numero 2; ...Numero 30)

Numero 1; Numero 2;... Numero 30 sono valori o intervalli numerici.

Esempio

=MAX(A1; A2; A3; 50; 100; 200) restituisce il valore massimo di questo elenco.

=MAX(A1; B100) restituisce il valore massimo di questo elenco.

MEDIA.PIÙ.SE

Restituisce la media aritmetica di tutte le celle all'interno di un intervallo che soddisfi più condizioni determinate. La funzione MEDIA.PIÙ.SE somma tutti i risultati che corrispondono ai test logici e divide per la quantità dei valori selezionati.

MEDIA.SE

Restituisce la media aritmetica di tutte le celle all'interno di un intervallo che soddisfi una determinata condizione. La funzione MEDIA.SE somma tutti i risultati che corrispondono al test logico e divide per la quantità dei valori selezionati.

MEDIA.VALORI

Restituisce la media degli argomenti. Il testo viene considerato come avente valore 0.

Sintassi

MEDIA.VALORI(Valore 1; Valore 2; ... Valore 30)

Valore 1; Valore 2;... Valore 30 sono valori o intervalli. Il testo ha il valore 0.

Esempio

=MEDIA.VALORI(A1:A50)

MEDIA

Restituisce la media degli argomenti.

Sintassi

MEDIA(Numero 1; Numero 2; ...Numero 30)

Number1; Number2;...Number30 are numerical values or ranges.

Esempio

=MEDIA(A1:A50)

MEDIA.DEV

Restituisce la media delle deviazioni assolute dei punti dati rispetto alla loro media. Visualizza la diffusione nell'ambito di un campione.

Sintassi

MEDIA.DEV(Numero 1; Numero 2; ...Numero 30)

Numero 1; Numero 2;... Numero 30 sono valori o intervalli che rappresentano un campione. Al posto dei numeri si possono utilizzare riferimenti.

Esempio

=MEDIA.DEV(A1:A50)


Related Topics

Functions by Category